Mario Menardi



  • Quadro Mario Menardi
  • Quadro Mario Menardi
  • Quadro Mario Menardi

 

BIOGRAFIA

MARIO MENARDI

Mario Menardi è nato a Cuneo il 25.08.1950.
Fin da ragazzo ha sempre avuto il pallino di disegnare e dipingere. Per questo motivo dopo  la pensione ha frequentato l’Accademia di Belle Arti di Cuneo  conseguendo nel 2008 il diploma accademico.    
Ha quindi esposto lavori di pittura in mostre collettive a Cuneo e nelle province di Cuneo,  Torino,  Alessandria, Milano, Cremona e Piacenza.     
Una sua opera dedicata alle vigne di Langa è stata pubblicata su :“Il passaporto di  Bacco” edito da “Associazione Culturale Diotima” - Milano.
A giugno 2011 in occasione del  Concorso internazionale La Spadarina 2011  “La materia e lo spirito” ha conseguito il premio di segnalazione speciale e segnalazione di merito esponendo l’opera premiata a Piacenza presso la galleria omonima.
A luglio 2011 ha  partecipato, in occasione della mostra patrocinata dalla Regione Piemonte e dalla Provincia di Cuneo “omaggio a Francesco Tabusso”  ad una collettiva presso il Castello di Roddi (Cn), esponendo quattro opere.
Nella primavera del  2012 ha partecipato alla esposizione collettiva “Sei artisti per sei regioni” presso la galleria “La Telaccia” di Torino.
Nei mesi di ottobre 2012 e novembre 2013 ha partecipato alla “Rassegna d’arte contemporanea” presso la galleria “Immagini Spazio Arte” di Cremona con quattro opere.
Dal 2013 al 2018 ha partecipato a svariate collettive presso il Museo MIIT di Torino e nel 2015 alla collettiva Arte Expo 2015 presso il museo “Scalvini “ di Desio (MI).
Nel 2016 ha partecipato al Premio Artistico Internazionale “Orizzonti Contemporanei”  e nel 2017 e nel 2018 al Premio Artistico Internazionale “ Vette d’arte” conseguendo segnalazioni d’onore per la  pittura. Nell’occasione sono state esposte opere a Torino e Sestriere. Nel 2016 e nel 2017 e nel 2018 ha poi partecipato con alcune opere alla collettiva di pittura,  scultura e fotografia organizzata da “Arte Pozzo” a  La Morra (Cn).
Sempre nel 2017 ha esposto in collettive a Carignano (Sala mostre biblioteca civica), a Genova (galleria “Il cerchio cromatico”) a Roma (Domus romana art gallery).
Nel 2018 ha esposto in collettive a Savona organizzata da Arte pozzo, a Torino presso “Sala mostre Regione Piemonte” e “Biblioteca civica Villa Amoretti” nonché presso la galleria “Ossimoro”.

 

 

 

 

 

TESTI CRITICI

 

“Mario Menardi  idealizza la pittura e la realtà, creando mondi in cui lo spazio e il tempo sembrano sovrapporsi senza limiti né confini. La sua è una pittura visionaria, immaginata e dai tratti surreali e fantastici.”  (Guido Folco  - Editore Direttore Italia Arte,  Direttore Museo MIT)

“Il figurativismo di Mario Menardi ha subito dei cambiamenti dovuti a una personale ricerca che lo ha accompagnato fino ad oggi trasformando l’impianto delle sue composizioni  spesso paesaggistiche….Per quanto concerne la tecnica solitamente si tratta di acrilici su tela con una tavolozza antinaturalistica e atonale, lo spazio, senza la tradizionale profondità, si mostra in piani accostati o sovrapposti con apparenza casuale, in realtà esso è costruito  con un suo equilibrio, tenuto conto delle contaminazioni del secolo scorso e del nuovo squarcio di secolo.” (Giovanna Arancio )

“L’espressività cromatica e  segnica dell’artista Mario Menardi si avvale di risvolti onirici nell’atto interpretativo della realtà. Sono tutte istantanee impresse nella memoria e nei ricordi dell’artista, piene di simbolismo surreale efficace e capace di offrire una visione trasognante della realtà. Siamo di fronte a ad un fare arte che dialoga con la fantasia, riuscendo a costruire stilemi ben definiti che possono essere valido esempio per chiunque abbia  intenzione di fare buona arte. “ (Dino Marasà ).