Carlo Cammarota



  • Quadro Carlo Cammarota
  • Quadro Carlo Cammarota
  • Quadro Carlo Cammarota

BIOGRAFIA - CARLO CAMMAROTA

 

immagine Profilo Cammarota

 

nasce a Campobasso da genitori napoletani il 29/11/1949.
Dopo il diploma di scuola commerciale consegue il diploma di disegnatore meccanico, scoprendo così la sua predisposizione al disegno e alla pittura. Dopo aver esercitato vari mestieri in alcune città d'Italia, approda a Torino come operaio Fiat. Ma il periodo è breve e tormentato e di nuovo svolge qualche lavoro come venditore di enciclopedie, di pubblicità e addirittura giocando d'azzardo. Comincia così una vita bohemien vagabondando tra le rive del Pò e tra gli ultimi residui di verde, fotografando ponti e acque torbide eseguendo poi numerosi pastelli e chine.
Passa anche ore al manicomio di Collegno ad osservare facce e gesti dei ricoverati di cui esegue alcuni ritratti. Sono quindi i disperati che il pittore frequenta. Nello stesso tempo però consulta freneticamente cataloghi e monografie assimilando tecniche, colori e sentimenti.

La sua opera quindi nasce da un confronto estenuante tra diverse culture, verificandola sullo stile dell'antica pittura italiana. Comincia a partecipare a concorsi di pittura, ma ne scopre ben presto i limiti. Rare esposizioni collettive poco soddisfacenti e alcune mostre annuali alla Promotrice delle Belle Arti al Valentino. Decide quindi di scrollarsi di dosso questa dipendenza esponendo in spazi alternativi creandosi una clientela privata che ancora fedelmente segue la sua evoluzione artistica.


 

 

 

 

 

immagine Profilo Cammarota

Critica Cinzia Sauli

RITRATTI BISBETICI
(il bizzarro realismo nell’arte di Carlo Cammarota)

"La ricerca pittorica di Carlo Cammarota, esplora l’uomo nella realtà con una  figurazione bizzarra, che rende la sua,  un'interpretazione diversa da quella di per sé evidente.

La cifra stilistica del Cammarota è caratterizzata da una naturale disposizione nel tradurre in pittura l'accentuazione di atteggiamenti o tratti ridicoli dei suoi personaggi.
Una caratteristica unica, distintiva e riconoscibile, che identifica, il suo personale pensiero creativo.
Sembianze alterate e contraffatte, con intenzione satirica quasi parodistica  tali però, da lasciar riconoscere l'originale personaggio, fornendo materia di riso o di riflessione.

Il grottesco nella pittura di Carlo Cammarota è più del bizzarro; è il momento in cui la banalità, l’assurdo, raggiungono livelli parossistici e si trasformano in puro gioco di meraviglia.
Le contraddizioni stravaganti, fondono opposti estetici: bellezza e bruttezza, raffinatezza e volgarità, orrore e umorismo. "

immagine Profilo Cammarota



CONTATTI