CANTO CORALE


Nel canto corale la propria azione è parte integrante di un’azione collettiva: si partecipa insieme alla creazione di qualcosa di unico e di bello, che fa stare bene sia individualmente che come gruppo.

Cantare insieme aiuta a:
Stare bene con se stessi e con gli altri
Accrescere la consapevolezza, di se stessi e degli altri ! Imparare a lavorare insieme per un intento comune ! Confrontarsi, rispettarsi e sostenersi reciprocamente
Condividere il piacere dell’esperienza musicale
Sviluppare ed ampliare la sfera emozionale
Coltivare sintonia fisiologica, psicologica ed emotiva

La Scuola di canto corale insegna a:
Scoprire e conoscere la bellezza ed il valore educativo del canto corale, attraverso un’esperienza formativa di qualità
Scoprire e sviluppare le proprie potenzialità musicali ! Acquisire competenze e consapevolezze vocali, ritmiche e melodiche, tramite lo sviluppo dell’orecchio musicale, del senso ritmico e del senso melodico e l’esperienza della poliritmia e della polifonia
Sviluppare il pensiero musicale ritmico, melodico, armonico e formale, imparando a pensare la musica, ad immaginarla, a sentirla interiormente nella propria mente, ed a riconoscere le strutture in essa presenti per comprenderla a fondo
Crescere sul piano vocale, corale, espressivo e musicale, tramite livelli graduali di apprendimento

IL METODO

L’apprendimento della musica attraverso il canto corale avviene principalmente nel rispetto delle linee educative del metodo corale Kodály. Zoltán Kodály fu non solo uno dei maggiori compositori ed intellettuali ungheresi del Novecento, ma anche un eccezionale pedagogo che riuscì a rivoluzionare - in certi casi creandola ex novo - l'istruzione musicale del suo paese a tutti i livelli scolastici, sviluppando un sistema educativo compiutamente strutturato, ancor oggi apprezzato in tutto il mondo.
Il Concetto Kodály si basa su alcuni assunti fondamentali:
La musica riveste un ruolo essenziale nella formazione dell’essere umano ! La musica di qualità dev'essere un bene comune accessibile a tutti ed il canto in coro permette di avvicinare e di educare ad essa il più ampio numero di persone, poiché ognuno possiede lo strumento della voce
La qualità del materiale musicale didattico è di primaria importanza, esso dev’essere sempre di elevato livello artistico ed adatto ritmicamente, melodicamente e testualmente all’età e al grado di maturazione degli allievi
L’insegnamento deve evitare ogni automatismo e guidare invece gli allievi con creatività, intuizione e partecipazione attiva ad una fruizione consapevole della musica, favorendo lo sviluppo delle abilità di leggerla, scriverla, memorizzarla ed ascoltarla, nonché delle capacità ritmiche e melodiche, per portarli infine alla riproduzione e all’improvvisazione, che equivalgono alla vera comprensione della musica
Nel processo didattico ci si muove dal conosciuto allo sconosciuto, dal semplice al complesso, in modo graduale, progressivo e pianificato. Ciò consente all’allievo di sviluppare gradualmente la conoscenza ritmica, melodica e formale a partire dalle sue conoscenze innate, portando cioè a livello conscio ciò che è già presente a livello inconscio. Solo in un secondo momento si arriva all’astrazione del dato sensibile, elaborando la formazione di un concetto che era già posseduto a
livello di esperienza concreta e codificandolo in segni. In questo modo l’apprendimento è significativo e duraturo.
Il Concetto Kodály si avvale di alcuni noti e collaudati strumenti didattici, tra cui la chironomia, la solmisazione, la notazione ritmico-letterale, il solfeggio relativo, il pentatonismo.

L'ATTIVITA' DIDATTICA

La Scuola inizia nella prima settimana di ottobre, termina a metà maggio e si articola su lezioni a cadenza settimanale, per un totale complessivo di 25 lezioni per corso.
Il repertorio corale utilizzato è di elevato valore artistico e musicale e spazia dai canti infantili a quelli popolari, dalla produzione dei cantautori al repertorio colto sia sacro che profano.

Coro voci bianche 1 | Corso per scuola primaria - bambini di 6 e 7 anni
Respirazione e vocalità, Ascolto attivo, Avviamento al canto corale, Sviluppo del senso ritmico, Sviluppo del senso melodico, Avviamento alla lettura melodica propedeutica (introduzione della chironomia). Apprendimento imitativo.

Coro voci bianche 2 | Corso per scuola primaria - bambini da 8 a 10 anni
Respirazione e vocalità, Ascolto attivo, Canto corale, Educazione alla musica, Educazione ritmica, Educazione melodica. Apprendimento imitativo, Avviamento alla lettura ritmica, Avviamento alla lettura melodica relativa.

Coro voci bianche giovanili | Scuola secondaria di primo grado – ragazzi da 11 a 13 anni
(con riserva di indirizzo al corso più idoneo alle caratteristiche vocali, previa audizione vocale)
Respirazione e vocalità, Canto corale, Educazione alla musica, Educazione ritmica e poliritmica, Educazione melodica. Apprendimento imitativo, Lettura ritmica, Lettura melodica relativa.

Coro giovanile | A partire dai 14 anni di età
(con riserva di indirizzo al corso più idoneo alle caratteristiche vocali, previa audizione vocale)
Respirazione e vocalità, Vocalizzi, Canto corale, Educazione alla musica, Educazione ritmica, Educazione melodica. Apprendimento imitativo, Lettura ritmica, Lettura melodica relativa.


Coro adulti | A partire dai 25 anni di età
Respirazione e vocalità, Vocalizzi, Educazione alla musica, Canto corale, Educazione ritmica, Educazione melodica. Apprendimento imitativo, Avviamento alla lettura ritmica, Avviamento alla lettura melodica relativa.

* il corso si attiverà con un minimo di 6 iscritti bambini e giovani sotto i 14 anni - 8 partecipanti per ragazzi a partire dai 14 anni

 

Attualmente sono previste una serie di lezioni nelle prime 2 settimane di Luglio.

 

Per maggiori informazioni e costi contattare :
Phone +39 331.566.45.54
Email ossimoro.art@gmail.com

Insegnante : Prof.ssa Cristina Brigolin

“Amo ciò che ti posso offrire. Durante l’ascolto del canto corale di qualità i miei occhi sono sbarrati, le mie orecchie spalancate, la mia bocca aperta, i miei polmoni si espandono ed io ne ricevo la bellezza. Potrei proseguire all’infinito e dirti ancora tante, tante altre cose, nell’immaginare la meraviglia della voce che canta”
Cristina Brigolin

Cristina Brigolin si è diplomata nel 1985 in Pianoforte e nel 1995 in Didattica della Musica presso il Conservatorio Giuseppe Verdi di Torino.
Ha conseguito nel 1997 il Certificato Speciale Zoltan Kodàly presso il Kodàly Institute di Kecskemèt in Ungheria e nel 2000 l’Attestato di Perfezionamento Biennale Post-Lauream.
Oltre all’educazione musicale, a cui si dedica dal 1985 - con un focus particolare negli ultimi anni sull’attività didattica corale - nella sua carriera spiccano svariate e significative esperienze musicali, tra le quali: l’attività concertistica, in cui è stata impegnata per diciotto anni; la partecipazione a numerosi concorsi musicali, sia in qualità di solista che in varie formazioni da camera; e l’operato in qualità di Professore d’Orchestra e Pianista Accompagnatore presso il Teatro Regio di Torino e l’Orchestra Sinfonica Nazionale della Rai.

Si dedica all'educazione musicale sin dal 1985, e negli ultimi anni ha focalizzato la sua attività in particolare sulla didattica del canto corale.

 

 



  • canto
  • canto
  • canto
  • canto